Taranto e dintorni: cittadini portavoce in Tour

11 e 12 gennaio 2014

In questo fine settimana sono stato in Puglia, insieme ad altri miei colleghi del Movimento.

Nella Taranto dell’Ilva ci sono  impianti simili a quelli della “mia” Malagrotta, ma all’ennesima potenza.

Qui anche il vescovo riceve  bonifici dai Riva e la vita conta poco.
Ho visto muri arrossati dalle polveri e targhe silenziose che ricordano le vite strappate sotto il ricatto occupazionale.

Taranto maledicono

 

Ogni sguardo intercetta fumi che si diradano nell’aria e il rumore di sottofondo dei rulli trasportatori si mescola alle grida di qualche bambino che gioca…

Sabato 11, alle 17,  si è svolto l’incontro tra noi portavoce, i cittadini di Taranto ed i comitati, organizzato per fare il punto sulla drammatica  situazione di questo territorio e per migliorare il DL 136, attraverso l’ascolto ed il confronto con la popolazione locale. Il dibattito è partito dalla discussione del Decreto, attualmente in Commissione Ambiente, che riguarda le emergenze ambientali, con particolare  riferimento alla “Terra dei Fuochi”, in Campania,  ed all’Ilva di Taranto.

Domenica 12 c’è stato l’incontro con i  cittadini di Maruggio e ed il giro attraverso alcune discariche nei dintorni. Siamo andati a visitare le numerose discariche pugliesi di rifiuti speciali oggetto di inchieste e a prendere informazioni.

Vicino Lizzano, abbiamo visitato la discarica  di rifiuti speciali di nome Vergine, la seconda più grande discarica di rifiuti speciali d’Europa. Una  puzza insopportabile, acre e penetrante, che rivolta lo stomaco ci ha accompagnato per tutto il percorso.  Il consigliere M5S di Lizzano ci ha fatto da guida nella visita della discarica “ufficiale”, che è circondata dai depositi abusivi degli anni 70 e 80. Tutt’intorno a noi  si estendeva una campagna meravigliosa, ma devastata dai rifiuti.

Girare in paese con il consigliere  di Lizzano che ha ricevuto un COLPO DI FUCILE sul proprio portone di casa , mi ha emozionato. Vedere la sua serenità e la sua umiltà nel non farsi intimidire e non volere facile risalto mediatico mi ha reso orgoglioso di far parte di questo MoVimento.

A San Marzano abbiamo visitato la discarica Ecolevante, costruita su una ex zona parco nazionale, Terra delle Gravine, che è stata  riperimetrata appositamente. Nelle vicinanze ci sono tante aree sospette, con un numero superiore alla media di malati di tumore alla tiroide e ipotiroidismo.

Probabilmente sono questi i luoghi indicati dal pentito Schiavone.

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Leave a comment