Commissione d’inchiesta in Veneto

Roma, 30. 10. 2014

Commissione d’inchiesta in Veneto

Si è conclusa  oggi la missione in Veneto dei parlamentari della Commissione d’inchiesta ciclo illecito rifiuti: tre giorni di audizioni pubbliche e segrete con procuratori, prefetti, comandanti delle Forze dell’Ordine, dirigenti, assessori, tecnici, amministratori, imprese, comitati e associazioni di categoria, per approfondire i problemi legati alla gestione dei rifiuti, nelle province di Verona, Vicenza e Belluno.

Va specificato che la Commissione d’inchiesta ha il compito di verificare gli illeciti sulla base delle leggi esistenti, ma non detta la linea politica in materia di inceneritori, discariche e altri temi connessi alla gestione rifiuti. Ciascun parlamentare ha la propria visione e la propria linea politica, che porta avanti nelle sedi opportune e nella sua attività istituzionale. La mia linea politica in materia d’inceneritori è chiaramente espressa nell’intervento fatto in aula sull’articolo 35 dello Sblocca Italia.

Il mio compito da commissario è però verificare illeciti, non dare indirizzi. Sull’inceneritore di Ca’del Bue, ad esempio, abbiamo raccolto dati, ma ne mancano ancora per avere un quadro generale. Quell’impianto è costato e costerà caro, ma dobbiamo completare il quadro per vedere se si può parlare di danno erariale.

Durante questa missione, si è discusso di interramenti, illeciti, inquinamento falde e terreni, anomalie contrattuali, peculato e conflitti d’ interesse … tutti questi temi stanno facendo emergere un quadro allarmante.

missione veneto-FOTO

Nella discarica di Ca’ Filissine,  visitata ieri, il percolato ha raggiunto ormai i 36 metri, a fronte del limite di 2 consentito dalla legge. La discarica è gestita dalla società Daneco, già coinvolta da arresti a Milano e attenzionata anche dalla nostra Commissione nella precedente ispezione nella discarica di Borgo Montello (gestita in parte da loro e in parte dal Comune di Latina e Cerroni).

Le autorità che abbiamo audito hanno sostenuto che non c’è una vera e propria infiltrazione della criminalità mafiosa nelle province di Verona, Vicenza e Belluno, ma in tutto il Veneto sono presenti alcuni aspetti “patologici”da approfondire, che riguardano anche una parte dell’amministrazione pubblica.

foto missione veneto 2

Interessante la proposta avanzata dal Corpo forestale dello Stato di inserire nel Capitolato la richiesta di poter intervenire e verificare la presenza di rifiuti interrati sotto il manto autostradale (autostrada A31- Valdastico sud-) in maniera tempestiva, anche senza mandato.

 

RASSEGNA STAMPA:

http://www.larena.it/stories/379_citta/919800_a_ca_del_bue_indagano_i_parlamentari/

http://www.veronasera.it/cronaca/verona-ciclo-rifiuti-malaffare-inceneritori-sopralluogo-ca-bue-deve-tornare-essere-virtuoso-30-ottobre-2014.html

http://primoweb.it/a-verona-la-commissione-parlamentare-dinchiesta-sui-rifiuti/

http://m.larena.it/stories/Home/923473_ca_filissine__un_disastro_ambientale/

 

 

 

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Leave a comment