Autoproduzione di sapone

Autoproduzione di sapone

 

Questo é il mio SAPONE BIODEGRADABILE fatto con l’ OLIO da FRITTURA USATO e il LATTE SCADUTO. L’olio di frittura usato, se buttato nello scarico del lavandino, inquina le fogne e le falde ma i centri di raccolta sono purtroppo rari. Ecco come farlo diventare una risorsa e trasformarlo in un ottimo sapone al profumo e con pezzi di LAVANDA. Ovviamente ci si puo’ sbizzarrire con le profumazioni , le forme e i colori…..

Questa la ricetta nel dettaglio:

Sapone solido di Aleppo

La nostra cultura ci impone di eliminare ogni batterio, anche quello piu’ innocuo e per farlo il mercato ci fornisce prodotti spesso inutilmente aggressivi sia sul nostro corpo che nella nostra casa. Per non parlare dell’impatto distruttivo sulle nostre falde acquifere…

Il mio sapone autoprodotto è invece completamente biodegradabile, è fatto con olio di oliva e alloro al 16% (non inquina falde e non altera il sebo per 48 ore, come i saponi a base petrolchimica). Lo uso per tutto il corpo, barba e capelli compresi (spesso faccio l’ultimo risciacquo con aceto di mele per controllare ph e lucentezza del capello ). L’olio deterge e ammorbidisce la pelle, senza aggredirla. Costa poco e dura molto, non essendo allungato con acqua. Niente pruriti, quindi adatto anche a chi soffre di psoriasi. Si trasporta facilmente (in palestra, in viaggio..) con un pratico portasapone.

sapone

Con questo sapone solido ho anche eliminato svariate bombolette, confezioni di plastica, contenitori e flaconi usa e getta.

http://www.saponedialeppo.it/

Alla Città dell’Altra Economia  si è svolta una dimostrazione il 9 marzo 2013

Autoproduzione di sapone con Dario Tamburrano

 

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Leave a comment