Risparmio energetico: il fotovoltaico

Risparmio energetico: il fotovoltaico

Nel 2010 ho preso la decisione di far istallare sul tetto della mia casa un impianto fotovoltaico. Nel mese di settembre, finalmente abbiamo scaricato i miei pannelli fotovoltaici. Eccoli: neri, lucidi ed eleganti…pronti ad ascendere fino al cielo..pardon,al tetto!

fotovoltaico1

Questi i “lavori in corso” per l’istallazione:

fotovoltaico2 fotovoltaico4

La cupola di San Pietro (o meglio , lanterna e cuspide) e le montagne della Sabina si specchiano nei miei pannelli fotovoltaici.

 

fotovoltaico2

 

tetto

Dopo qualche mese,finalmente  mi hanno allacciato l’impianto fotovoltaico in rete!!! Il tempo di collaudare e firmare pratiche e già avevo autoprodotto il mio primo kw!
Finalmente!!!!Da quel giorno sono iniziati i miei 30 anni di auto-produzione elettrica grazie al DIO SOL INVICTUS…
ps. Ho anche abbandonato la monopolista Acea (Caltagirone in primis) per una piccola azienda che produce solo energia pulita, tramite il GAS di Jacopo Fo.

Esempio incentivo di durata ventennale, semplice e ipotetico:

Un impianto fotovoltaico di 3 kWp installato a Benevento (producibilità annua di circa 1300 kWh/kWinst) con integrazione architettonica è incentivato dal conto energia alla tariffa di 0,47€/kWh, pertanto il ricavo annuo risulta dato da:

*produzione energia elettrica annua: 3kW x 1300kWh/kW = 3900kWh
*ricavo conto energia: 3900kWh x 0,47€/kWh = 1833 €/anno
*risparmio sulla bolletta (per l’energia prodotta e autoconsumata): 0,19€/kWh x 2300kWh = 437€/anno
*ricavo vendita energia in eccesso: 1600 kWh x 0,0964€/kWh = 154€/anno
*ricavo complessivo: 1833 €+437€+154 €= 2424 €/anno

2400 euro l’anno per 20 anni al fronte di una spesa iniziale di 10.000 euro!

Per calcolare la tua produzione statisticamente basta inserire i parametri personali come città, inclinazione e esposizione tetto e tipologia di pannello (sittile,cristallino) in questo programma.

Nel 2011 ecco la bolletta del mese di ottobre riferita al  mio impianto, che io ho chiamato “Centrale a produzione sovversiva”… 🙂

bolletta fotovoltaico

Nel 2012, a circa un anno e mezzo dall’istallazione del mio impianto fotovoltaico, ho potuto constatare che non solo sono riuscito a coprire i miei consumi, ma ho anche energia da vendere …. autoprodurre energia pero’ non vuol dire potersi permettere di sprecarla perche’ e’ un bene comune. Monitorare i consumi delle apparecchiature mi e’ servito a conoscerle e gestirle meglio, riducendo i consumi.
fotovoltaico2012

Nel settembre 2014, ho superato i 10.000 KWh prodotti con il mio fotovoltaico.
Molto di più del mio fabbisogno: ho abbassato drasticamente gli sprechi con pochi accorgimenti. Sto valutando anche una pompa di calore per eliminare il bisogno di gas e staccarmi dalla rete.
Anche nei documenti l’Europa invita i singoli Stati a prepararsi al peggio…
Microgenerazione, ottimizzazione, CONDIVISIONE e autoproduzione sarà una possibile via per il futuro, se non diventerà presto un obbligo.
Il fulcro di questo cambiamento di condivisione e ottimizzazione, in primis nelle grandi città, non sarà la FAMIGLIA (ormai sempre più INDIVIDUALISTA) ma il condominio e le comunità locali.

fotovoltaico6

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Leave a comment