La Commissione Ecomafie a Reggio Calabria

COMUNICATO STAMPA

Roma, 05 aprile 2019 – La Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite
connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati (Commissione Ecomafie)
comincia il suo lavoro di indagine sulla Calabria. Martedì 09 aprile la Commissione svolgerà
la sua prima missione nella regione, tenendo una serie di audizioni di inquadramento
generale a Reggio Calabria.

L’illegalità nella gestione dei rifiuti, gli illeciti nella depurazione delle acque, l’iter della
bonifica del sito di interesse nazionale di Crotone Cassano Cerchiara, sono i nodi principali
che la Commissione intende approfondire.

A Reggio Calabria, la delegazione della Commissione guidata dal presidente Stefano
Vignaroli ascolterà presso la prefettura i rappresentanti delle procure di Cosenza, Crotone e
Reggio Calabria, i comandanti dei Carabinieri del Noe di Catanzaro e Reggio Calabria, i
comandanti regionali dei Carabinieri forestali e della Guardia di Finanza, e il direttore
marittimo del Corpo delle Capitanerie di porto–Guardia costiera per la Calabria. Saranno
inoltre ascoltati i rappresentanti di Arpa Calabria, l’assessore regionale all’Ambiente e il
direttore del dipartimento Ambiente della Regione.

A questa prima missione, che ha lo scopo di fornire alla Commissione un inquadramento
generale sul territorio e le sue problematiche, ne seguiranno altre due, con sopralluoghi e
audizioni in altre aree della regione. Il lavoro della Commissione si svilupperà con
un’articolata attività d’inchiesta, di cui le missioni rappresentano solo le prime fasi.
L’investigazione proseguirà infatti anche con attività di indagine e audizioni presso la sede
della Commissione a Roma. I resoconti stenografici delle audizioni svolte sia in missione,
sia a Roma, saranno pubblicati online. L’inchiesta si concluderà con una relazione, che verrà
discussa e approvata in Commissione.

Insieme al presidente Vignaroli, parteciperanno alla missione i deputati Chiara Braga (PD),
Tullio Patassini (Lega), Renata Polverini (FI), Alberto Zolezzi (M5S) e i senatori Andrea
Ferrazzi (PD) e Fabrizio Trentacoste (M5S).

«Dalla lettura dei documenti pervenuti alla Commissione, la situazione della Calabria risulta
drammatica, sia rispetto al ciclo dei rifiuti, sia per quanto riguarda la depurazione delle
acque. Un quadro che vogliamo approfondire di persona sui territori. Auspico di poter
trovare la collaborazione delle istituzioni e le autorità locali: daremo il nostro contributo per
far luce sui problemi ambientali», dichiara il presidente della Commissione Ecomafie
Stefano Vignaroli.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Leave a comment