Genova-Cogoleto: pagheranno i nostri figli!

Genova-Cogoleto: pagheranno i nostri figli!

Il 18 febbraio 2015, con la Commisione Parlamentare ecomafie, ho effettuato un’ispezione a Genova, al sito di Cogoleto, ex fabbrica vicino al mare.

tute

 

stefano in tuta

Sono ancora sconvolto da quello che abbiamo visto e ascoltato.

Per circa un secolo la fabbrica dei proprietari Stoppani ha riversato nell’ambiente circostante migliaia di tonnellate di inquinanti  terribili: il cromo esavalente è arrivato ovunque, contaminando l’aria (irrespirabile) il suolo, le falde e il mare. Il cromo è una delle sostanze più tossiche per l’uomo, che negli anni si é anche inserita nella catena alimentare locale.  Sono centinaia i casi di tumore, tra gli ex operai ed i cittadini di questi territori. E’ questa oggi la situazione, a pochi passi dal mare e dalle case.

Si contano 27 milioni di chili di rifiuti dei quali 20 pericolosi che in parte sono inviati all’estero e in parte messi in un deposito temporaneo in loco.

Solo dieci giorni fa  è stato trovato un altro nascondiglio nella montagna, in cui  infilavano amianto. Già tolte 1700 t di amianto impregnato di cromo.

Bonificati gli arenili (tranne il più compromesso dati i 9 metri di profondità del terreno inquinato, ci vorrebbero 2o milioni di euro).

Prioritario finire il decommissioning e la messa in sicurezza della fabbrica. La parte Sud è praticamente demolita

fabbrica Genova

e fondamentale è stata la realizzazione del nuovo impianto di depurazione delle acque, che lavora ininterrottamente estrapolando ben 17 kg di cromo al giorno con una spesa di 2 milioni di euro all’anno.

depuratore

E parliamo solo della parte di falda che si è riusciti a circoscrivere.

Il cromo poi è in alte concentrazioni quindi non può andare in discarica, ma va caratterizzato e affidato a ditte specializzate per il trattamento che ha un costo di 350 € alla tonnellata.

I danni stimati  sono circa 1 miliardo e 600milioni di euro: tutto a carico dello Stato e delle generazioni future. Mentre chi ha causato il danno non paga mai, anzi fa affari in Sudamerica. Complice anche una legislazione carente sui reati ambientali. Amaro constatare come il curatore fallimentare degli ex proprietari sia riuscito a vendere il ferro presente in loco. Si spera che lo Stato riesca almeno a prendersi quei soldi.

AI NOSTRI FIGLI I LASCEREMO I COSTI AMBIENTALI, per aver voluto avere i nostri oggetti cromati o sterilizzati a basso costo.

Nel 2006 il governo aveva nominato un commissario straordinario per affrontare l’emergenza e iniziare la bonifica del territorio.

Il 31 dicembre 2014 è scaduto senza essere rinnovato (grave dimenticanza del Governo che ha messo in crisi i lavori) il commissariamento dell’area ed è subentrato il Prefetto di Genova nella gestione ordinaria del sito. Intanto si è tamponato con un emendamento al Milleproroghe per ripristinare il commissariamento straordinario, scaduto il 31.

Come  Movimenmto 5 Stelle siamo generalmente contrari ai commissariamenti, spesso fallimentare metodo per bypassare regole, ma in questo caso credo che si stia facendo il possibile e che sia una situazione talmente compromessa e delicata che solo lo Stato può e deve gestire la questione.

Bonificare questo sito significa mettere in sicurezza un’intera zona, in cui vivono  migliaia di cittadini. Difficilmente si riuscirà a trovare i fondi per bonificare completamente e rapidamente, ma vigileremo perchè sia fatto il possibile… e qualcosa in più.

Ad allarmare i residenti inoltre c’è il problema discarica Molinetto.  Oltre che trasportare in Germania parte dei rifiuti prodotti dalla ex fabbrica, si vuole adeguare la vicina discarica per rifiuti pericolosi (Molinetto), dandola in gestione a privati. Nei piani commissariali (che l’hanno espropriata per affidarla a privati) servirà per seppellirci l’amianto e altro, come contropartita della messa in sicurezza del sito che, pur essendo fuori dall’area SIN, è in pessime condizioni e quindi da adeguare e successivamente da bonificare.

 

Rassegna stampa:

http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2015/02/19/ARytbFaD-cogoleto_inchiesta_commissione.shtml

http://www.cronacheponentine.com/wordpress/foto-cogoleto-la-commissione-parlamentare-dinchiesta-in-visita-alla-stoppani/

http://genova.ogginotizie.it/311379-genova-caso-stoppani-commissione-da-039-inchiesta-al-lavoro/#.VOfMzC4YGSo

 

 

 

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Leave a comment