Comm. Ecomafie, svolto approfondimento in Lombardia

COMUNICATO STAMPA

Milano, 09 luglio 2019 – La Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite
connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati ha svolto attività di
approfondimento in Lombardia. Il giorno 08 luglio la delegazione della Commissione,
guidata dal presidente Stefano Vignaroli, ha fatto sopralluoghi in tre siti interessati
recentemente da incendi: la discarica di Mariano Comense, la piattaforma Rieco di Novate
Milanese e l’impianto Ipb di Milano. Questa mattina la delegazione ha invece svolto alcune
audizioni presso la prefettura di Milano, sul tema degli incendi e della contaminazione da
Pfas. Sono stati sentiti il prefetto di Pavia Silvana Tizzano, il comandante dei Noe di Milano
Massimiliano Corsano e le rappresentanti di Arpa Lombardia (il direttore Attività produttive
e controlli Maria Teresa Cazzaniga e la responsabile dell’unità Risorse idriche Valeria
Marchesi).

Il prefetto Tizzano ha riferito in merito alle attività di contrasto degli incendi nel settore
rifiuti messe in atto dalla prefettura di Pavia. L’audita ha spiegato che il «Nucleo ambiente»,
creato per la prima volta proprio dal prefetto Visconti in ottica di prevenzione dei roghi, nel
suo periodo di operatività ha controllato 50 impianti riscontrando 39 irregolarità di vario
tipo, da cui è poi scaturito per 10 siti il sequestro, disposto dall’Autorità giudiziaria. I
controlli effettuati dal «Nucleo ambiente» riguardano principalmente lo stoccaggio dei
rifiuti e i sistemi antincendio.

Secondo quanto riferito dall’audita, la prefettura di Pavia ha anche condotto un censimento
dei siti a rischio incendio di rifiuti sul proprio territorio, individuandone oltre 200. A
gennaio 2019, il Consiglio regionale lombardo ha approvato una risoluzione in favore
dell’estensione del modello del «Nucleo ambiente» di Pavia al resto della regione.
Il Ten. Col. Massimiliano Corsano, comandante dei Noe Milano, ha riferito in merito alle
dinamiche generali emerse dalle attività investigative sugli incendi. L’audito ha spiegato che
gli incendi di rifiuti sono emersi come fenomeno nel 2016 in Veneto, diventando poi un
elemento strutturale in tutto il Nord Italia.

Corsano ha illustrato come sono cambiate negli ultimi anni le condotte illecite nel traffico di
rifiuti. Diversamente da quanto avveniva in passato, ha riferito l’audito, oggi la pratica del
girobolla per simulare trattamenti mai avvenuti da sola non basta più per conseguire
illecitamente un profitto. Secondo quanto riferito, essendo infatti di molto aumentati i costi
di smaltimento dei rifiuti, passando da 80 a 250 euro a tonnellata, oggi la pratica più diffusa
per conseguire un guadagno illecito consiste nell’evitare del tutto i processi di smaltimento.
Di conseguenza i rifiuti vengono stoccati nei capannoni oppure, più raramente, incendiati.
Il fuoco, infatti, alza troppo l’attenzione, mentre lo stoccaggio nei capannoni permette poi di
abbandonare il sito, con minori rischi per le aziende che operano i traffici. Spesso, ha
spiegato Corsano, sono spazi rimasti vuoti a seguito della crisi economica e affittati
regolarmente dai trafficanti, mentre solo raramente l’occupazione del capannone avviene
abusivamente, all’insaputa del proprietario. L’impressione, secondo quanto riferito da
Corsano, è che l’illegalità nel settore rifiuti stia crescendo in maniera evidente.
Le rappresentanti di Arpa Lombardia hanno riferito in merito all’attività dell’agenzia, sia sul
fronte degli incendi, sia su quello della contaminazione da Pfas. Cazzaniga ha fornito dati
sul fenomeno degli incendi nel settore rifiuti: 11 nel 2015 (totale incendi 56), 8 nel 2016
(totale 42), 21 nel 2017 (totale 61), 22 nel 2018 (totale 63) e 7 dall’inizio del 2019 (totale 38).
L’audita ha inoltre riferito in merito al progetto «Savager», che consiste nello studio di
immagini satellitari per identificare in maniera più efficace le situazioni di potenziale non
conformità con la normativa ambientale, contrastando così la gestione illecita dei rifiuti in
Lombardia.

Per quanto riguarda i Pfas, macrofamiglia di sostanze chimiche che comprende oltre 4mila
sostanze, Marchesi ha spiegato che Arpa Lombardia conduce attività di monitoraggio dal
2017. Su 12 composti monitorati nelle acque superficiali, secondo i dati riferiti dall’audita,
superamenti significativi della soglia di qualità ambientale-media annua sono stati rilevati
nel 2018 per i Pfos (una tipologia di Pfas), in 46 su 57 stazioni di monitoraggio.

«Questi due giorni sono stati molto utili per renderci conto in prima persona della situazione
in impianti interessati da incendi. I traffici illeciti di rifiuti sono un fenomeno mutevole, che
va monitorato con molta attenzione. In pochi anni infatti le condotte illecite in questo campo
sono molto cambiate, di pari passo con le nuove dinamiche di mercato: alla pratica ormai
storica del girobolla si sono associati il fuoco e poi gli stoccaggi irregolari in capannoni
abbandonati. Uno dei punti fondamentali riguarda proprio la mancanza di sbocchi
commerciali per questi rifiuti. Penso per esempio alle plastiche miste, che potrebbero
diventare nuove risorse se il loro riciclo fosse incoraggiato e venisse promossa la domanda
sul mercato. La nostra indagine adesso prosegue con approfondimenti anche in Veneto»,
dichiara il presidente della Commissione Stefano Vignaroli.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Leave a comment