Audizioni sull’Umbria

COMUNICATO STAMPA

Roma, 15 aprile 2019 – La Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati prosegue il suo lavoro di inchiesta sull’Umbria. Oggi ha audito a Roma l’ex presidente della II commissione consiliare regionale Eros Brega, l’amministratore unico di Gest srl Mauro Della Valle e il liquidatore della Valnestore Sviluppo srl Alessio Federiconi.

Brega ha riferito in merito alle attività della II commissione, di cui è stato presidente fino alla fine di febbraio 2019. In particolare, Brega ha spiegato che la commissione ha tenuto solo due o tre audizioni a seguito della mozione dell’opposizione 567 del 2016. Nel 2018, ha riferito Brega, la II commissione ha svolto sopralluoghi e audizioni a Terni, con l’idea di contribuire all’istituzione di un’area di crisi complessa ambientale. Parlando invece del Piano regionale rifiuti, l’audito ha spiegato che dal dibattito svolto in commissione è emersa l’assenza di una chiusura del ciclo.Della Valle ha riferito in merito alle attività di coordinamento e controllo della società rispetto ai soci e gestori operativi del servizio di igiene urbana sul territorio Gesenu (70%), Tsa (18%), Sia (6%) ed Ecocave (6%). L’amministratore unico ha anche fornito elementi sugli aspetti contabili, spiegando che Gest fattura ai Comuni il costo del servizio di igiene urbana, mentre ad incassare sono i gestori operativi. Questi ultimi poi trasferiscono l’1% a Gest per la sua attività. Sempre secondo quanto riferito, il contratto con i Comuni vale 1 miliardo di euro in 15 anni, circa 70 milioni all’anno: di questi, Gest incassa ogni anno 700mila euro. Rispondendo alle domande della Commissione sulle modalità del controllo, Della Valle ha dichiarato che Gest invia ogni mese ad Auri e ai Comuni i dati sui rifiuti raccolti e sui flussi in entrata e in uscita dagli impianti.

Federiconi ha riferito in merito alla situazione economica della Valnestore Sviluppo srl. In particolare, l’audito ha dichiarato che dei 23 miliardi di lire erogati da Enel, circa 4 miliardi sono andati alla Regione e 19 miliardi a Sviluppumbria Spa. Alla Valnestore Sviluppo sono arrivati circa 1 miliardo di lire dalla prima e circa 9 dalla seconda, per un totale in euro di 5,5 milioni. Soldi che, secondo quanto dichiarato da Federiconi, sono stati trasferiti ai Comuni per opere infrastrutturali e poi rientrati in buona parte ad Enel attraverso l’acquisto da parte degli enti locali della ex centrale e dei terreni dell’ex miniera. Secondo quanto dichiarato da Federiconi, questi fondi dovevano essere utilizzati per opere di urbanizzazione primaria e secondaria dell’area, ma non c’era una destinazione d’uso specifica.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Leave a comment